THC BioMed Receives Purchase Orders from 30 Dispensaries in the Province of Manitoba

– THC.CSE THCBF – OTC TFHD.F

VANCOUVER, BC, Sept. 23, 2021 /PRNewswire/ — THC BioMed Intl Ltd. (“THC BioMed” or the “Company”) is pleased to announced that it has received orders from 30 dispensaries in the province Manitoba. The Company is also pleased to announce that it has begun shipping THC KISS cannabis edibles and dried cannabis to those dispensaries.

The website thckiss.buzz will be updated to add the Manitoba dispensaries to the list of dispensaries carrying THC BioMed products across Canada.

THC KISS cannabis edibles, are infused with 10 mg of THC KISS extract, a fast acting, full-spectrum, proprietary cannabis extract, invented by THC BioMed.

All products are developed, grown, produced, infused and shipped from our state-of-the-art and fully integrated facility located in beautiful British Columbia, Canada.

About THC

THC BioMed is one of Canada’s oldest active licensed cannabis companies. It was first licensed to deal with cannabis in 2013 under a Health Canada Section 56 exemption under the Controlled Drugs and Substances Act and has been a Licensed Producer under the current regime since 2016. It aims to be a leader in the beverage and edible space.

THC BioMed is a Cannabis Act Licensed Producer of medical and recreational cannabis. It is licensed to cultivate and sell dried, extract, edible and topical cannabis. The Company is on the leading edge of scientific research and the development of products and services in the medical and recreational cannabis industry. Management believes THC BioMed is well-positioned to be in the forefront of this rapidly growing industry.

Forward-Looking Information:

This press release may include forward-looking information within the meaning of Canadian securities legislation, concerning the business of THC BioMed.  Forward-looking information is based on certain key expectations and assumptions made by the management of THC BioMed.  In some cases, you can identify forward-looking statements using words such as “will,” “may,” “would,” “expect,” “intend,” “plan,” “seek,” “anticipate,” “believe,” “estimate,” “predict,” “potential,” “continue,” “likely,” “could” and variations of these terms and similar expressions, or the negative of these terms or similar expressions.  Forward-looking statements in this release are made as of the date of this press release and include that a list of the Manitoba dispensaries will be available on the website and THC BioMed will be on the forefront of this rapidly growing industry. Although THC BioMed believes that the expectations and assumptions on which such forward-looking information is based are reasonable, undue reliance should not be placed on the forward-looking information because THC BioMed can give no assurance that they will prove to be correct. THC disclaims any intent or obligation to update publicly any forward-looking information, whether as a result of new information, future events or results or otherwise, other than as required by applicable securities laws.

The Canadian Securities Exchange (CSE) has not reviewed and does not accept responsibility for the adequacy or the accuracy of the contents of this release.

CONTACT : President and CEO: John Miller, THC Biomed Intl Ltd., T: 1-844-THCMEDS, E: info@thcbiomed.com

THC BioMed Receives Purchase Orders from 30 Dispensaries in the Province of Manitoba

– THC.CSE THCBF – OTC TFHD.F

VANCOUVER, BC, Sept. 23, 2021 /PRNewswire/ — THC BioMed Intl Ltd. (“THC BioMed” or the “Company”) is pleased to announced that it has received orders from 30 dispensaries in the province Manitoba. The Company is also pleased to announce that it has begun shipping THC KISS cannabis edibles and dried cannabis to those dispensaries.

The website thckiss.buzz will be updated to add the Manitoba dispensaries to the list of dispensaries carrying THC BioMed products across Canada.

THC KISS cannabis edibles, are infused with 10 mg of THC KISS extract, a fast acting, full-spectrum, proprietary cannabis extract, invented by THC BioMed.

All products are developed, grown, produced, infused and shipped from our state-of-the-art and fully integrated facility located in beautiful British Columbia, Canada.

About THC

THC BioMed is one of Canada’s oldest active licensed cannabis companies. It was first licensed to deal with cannabis in 2013 under a Health Canada Section 56 exemption under the Controlled Drugs and Substances Act and has been a Licensed Producer under the current regime since 2016. It aims to be a leader in the beverage and edible space.

THC BioMed is a Cannabis Act Licensed Producer of medical and recreational cannabis. It is licensed to cultivate and sell dried, extract, edible and topical cannabis. The Company is on the leading edge of scientific research and the development of products and services in the medical and recreational cannabis industry. Management believes THC BioMed is well-positioned to be in the forefront of this rapidly growing industry.

Forward-Looking Information:

This press release may include forward-looking information within the meaning of Canadian securities legislation, concerning the business of THC BioMed.  Forward-looking information is based on certain key expectations and assumptions made by the management of THC BioMed.  In some cases, you can identify forward-looking statements using words such as “will,” “may,” “would,” “expect,” “intend,” “plan,” “seek,” “anticipate,” “believe,” “estimate,” “predict,” “potential,” “continue,” “likely,” “could” and variations of these terms and similar expressions, or the negative of these terms or similar expressions.  Forward-looking statements in this release are made as of the date of this press release and include that a list of the Manitoba dispensaries will be available on the website and THC BioMed will be on the forefront of this rapidly growing industry. Although THC BioMed believes that the expectations and assumptions on which such forward-looking information is based are reasonable, undue reliance should not be placed on the forward-looking information because THC BioMed can give no assurance that they will prove to be correct. THC disclaims any intent or obligation to update publicly any forward-looking information, whether as a result of new information, future events or results or otherwise, other than as required by applicable securities laws.

The Canadian Securities Exchange (CSE) has not reviewed and does not accept responsibility for the adequacy or the accuracy of the contents of this release.

CONTACT : President and CEO: John Miller, THC Biomed Intl Ltd., T: 1-844-THCMEDS, E: info@thcbiomed.com

“Combattere la disuguaglianza, si può fare”: il Festival Nazionale dell’Economia Civile inaugura con il Premio di Oxfam

(FIRENZE, 23 Settembre) – FIRENZE, 23 Settembre – Combattere le diseguaglianze e gettare le basi per una società più generativa, solidale e unita sono alcuni degli obiettivi del Festival Nazionale dell’Economia Civile, arrivato quest’anno alla sua terza edizione.

Oggi, 23 settembre, il calcio di inizio del Festival si è tenuto presso la Sala d’Arme di Palazzo Vecchio con l’assegnazione del Premio “Combattere le disuguaglianze, si può fare” ideato da Oxfam Italia, in collaborazione con Amici di Salvataggio – Associazione Alessandra Appiano e con il patrocinio di RAI per il Sociale. Alla presenza di Eugenio Giani (Presidente della Regione Toscana), Sara Funaro, (Assessora all’educazione e welfare del Comune di Firenze) e di Roberto Barbieri (direttore generale di Oxfam Italia). E con un giurato di eccezione: Leonardo Becchetti, Direttore del Festival Nazionale dell’Economia Civile e cofondatore di NeXt Nuova Economia per Tutti, sono stati premiati professionisti della comunicazione, operatori/associazioni, aziende che con il loro lavoro hanno dimostrato che è possibile contrastare le disuguaglianze, generando valori positivi per le comunità, in Italia e nel Mondo.

Il riconoscimento – un’opera originale donata dall’artista Stefano Bergamaschi, alias Steve Barney – è stato consegnato a Giuseppe Smorto

Menzione speciale, nella sezione Raccontare la disuguaglianza, a Vito Finocchiaro per il progetto fotografico

Il Festival Nazionale dell’Economia Civile – nato da un’idea di Federcasse (l’Associazione Nazionale delle Banche di Credito Cooperativo, Casse Rurali, Casse Raiffeisen) che lo promuove insieme a Confcooperative, organizzato e progettato con NeXt (Nuova Economia Per Tutti) e SEC (Scuola di Economia Civile) e con il contributo di Fondosviluppo – si è ormai accreditato come un evento di interesse nazionale e internazionale sullo sviluppo sostenibile, la rigenerazione dei territori e della comunità e la valorizzazione delle buone pratiche imprenditoriali, amministrative e formative.

Nello splendido “Salone dei Cinquecento” di Palazzo Vecchio, esponenti istituzionali, del mondo accademico, economico, imprenditoriale e sociale si confronteranno soprattutto sul percorso di ripresa post pandemia individuato dal Next Generation EU e dal PNRR italiano e i 3 assi condivisi a livello europeo: digitalizzazione e innovazione, transizione ecologica, inclusione sociale. Strumenti che possono concretamente contrastare la crescita delle disuguaglianze.

Tante le personalità di spicco che parteciperanno alla terza edizione del Festival, già presentata in un evento con il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli. Alla tre giorni di lavori prenderanno parte, tra gli altri, nomi di spicco a livello internazionale come Raghuram Rajan (Professore alla Booth School of Business dell’Università di Chicago), Angus Deaton (Premio Nobel per l’Economia 2015) e Jared Diamond (Professore di Geografia all’Università della California e Premio Pulitzer 1998).

Folta rappresentanza anche dal mondo politico con figure istituzionali come Andrea Orlando (Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali), Irene Tinagli (Presidente Commissione Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo), Patrizio Bianchi (Ministro dell’Istruzione), Stefania Giannini (ViceDirettrice Generale UNESCO per l’Educazione), Enrico Giovannini (Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili). E poi ancora interventi a tutto tondo con Mauro Berruto (Allenatore di pallavolo ed ex CT della nazionale italiana), Michela Spina (Portavoce dei Friday for Future Italia), Riccardo Di Stefano (Presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria) e tanti altri.

Il programma dell’edizione 2021 del Festival Nazionale dell’Economia Civile è disponibile su

#FNEC21

#FNEC

#economiacivile

Ufficio stampa Festival Nazionale dell’Economia Civile

Da P&G e Corepla un “Gioco di Squadra” per l’economia circolare

ROMA (ITALPRESS) – Inaugurato a Explora, il Museo dei bambini di Roma, “Gioco di Squadra”, un nuovo exhibit, realizzato con il supporto di Procter&Gamble e Corepla, dedicato all’Economia Circolare.
“In P&G siamo ben consapevoli che il futuro dell’umanità è connesso al futuro del pianeta. Per questo, oltre al nostro impegno diretto in tema di sostenibilità ambientale, crediamo che le big corporations debbano adoperarsi per inspirare un cambiamento positivo nelle persone, che possa contribuire ad un miglioramento della società e dell’ambiente – dichiara Paolo Grue, Presidente e Amministratore Delegato di P&G Italia -. Siamo quindi davvero entusiasti di aver collaborato con CoRePla alla realizzazione del progetto Gioco di Squadra all’interno del Museo Explora perchè parla ai più piccoli su un tema, quello del recupero e riutilizzo degli imballaggi di plastica, fondamentale per uno sviluppo sostenibile del pianeta. Educare e sensibilizzare a un uso più consapevole delle risorse è cruciale, ed è una sfida in cui proprio le nuove generazioni possono giocare un ruolo determinante. Questo progetto dedicato all’educazione dei bambini rientra nel nostro programma di cittadinanza d’impresa “P&G per l’Italia”, attraverso il quale stiamo realizzando nel nostro Paese progetti concreti nell’ambito della sostenibilità ambientale e sociale”.
“Il coinvolgimento dei giovanissimi nella promozione dell’agenda 2030 è di fondamentale importanza – sostiene il presidente di Corepla, Giorgio Quagliuolo -. Uno degli obiettivi di Corepla è quello di sensibilizzazione le nuove generazioni e di promuovere le buone pratiche in tema di raccolta differenziata e di riciclo degli imballaggi plastica e quello che salta agli occhi è l’attenzione sempre più alta su questi temi che caratterizza i ragazzi ma soprattutto la loro voglia di “fare bene”. I giovani hanno capito che il nostro futuro non può più prescindere da una seria presa di coscienza e da un impegno responsabile nei confronti della sostenibilità ambientale delle nostre azioni. Quello della salvaguardia delle risorse del Pianeta è un tema globale che riguarda molti aspetti della nostra vita quotidiana e siamo contenti di poter stimolare, attraverso la partnership col Museo Explora e con P&G, una riflessione su come possiamo immaginare un futuro più equo e sostenibile e su quali azioni possiamo concretamente realizzare per costruirlo. La transizione ecologica – continua Quagliuolo – passa attraverso una trasformazione culturale, che è portatrice di nuovi valori e può concretizzarsi solo attraverso un “gioco di squadra”, ovvero attivando sinergie tra tutte le parti coinvolte. Serve che ognuno faccia la sua parte per il bene di tutti, in modo tale da costruire una generazione di “nativi ambientali”: ragazzi che abbiano un approccio ragionato alla gestione delle risorse e diventino gli ambasciatori della corretta raccolta differenziata della plastica, rendendo così più virtuosi anche i comportamenti degli adulti”.
“Abbiamo pensato di trasformare l’Economia Circolare in un gioco di squadra per due motivi: il primo riguarda la nostra mission che è quella di suscitare nei bambini e nei loro accompagnatori attenzione e atteggiamenti positivi verso l’interazione culturale, la cooperazione, il rispetto per gli altri e per l’ambiente attraverso laboratori, attività e allestimenti dedicati alla Scienza e alla Ricerca. Grazie a progetti europei e a collaborazioni con enti e Istituzioni, cerchiamo ogni anno di proporre ai nostri visitatori, bambini, scuole e famiglie, esperienze sempre nuove grazie a un approccio informale – afferma Patrizia Tomasich, Direttrice del Museo Explora -. Il secondo motivo è stato il calzante parallelo tra il gioco di ruolo, ogni bambino ha, infatti, un compito ben preciso per il corretto funzionamento dell’allestimento, e le fasi dell’Economia Circolare, che non si possono non conoscere per contribuire, attraverso i gesti quotidiani, alla trasformazione dell’economia in un’ottica più sostenibile”.
Il Goal 12 dell’Agenda dello Sviluppo sostenibile 2030 richiede una riformulazione dei processi di produzione e consumo, una svolta più sostenibile e con minor impatto ambientale nell’utilizzo delle risorse.
Grazie all’approccio informale del learning by doing che contraddistingue Explora e con l’esperienza di Procter&Gamble e di Corepla – Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli Imballaggi in Plastica, sarà possibile giocare e conoscere da vicino l’Economia Circolare e tutte le sue fasi.
Otto postazioni hands on caratterizzate da ingranaggi, tubi, ruote e meccanismi per un percorso in cui approfondire tutte le fasi dell’Economia Circolare: materia prima, progettazione, produzione, distribuzione, consumo, raccolta, riciclo e il rifiuto residuo. Unica missione: partire dalla “plastica riciclata” quale materia prima seguendo tutte le fasi del percorso con l’obiettivo di produrre il minor quantitativo di rifiuto.
Accanto al grande allestimento un totem interattivo dedicato ad approfondire l’Economia Circolare con consigli per convertire le azioni fatte a casa, a scuola, in azienda in iniziative sostenibili e dal basso impatto ambientale grazie al consorzio nazionale.
All’inaugurazione del 23 settembre seguirà l’apertura ufficiale al pubblico in occasione della Notte Europea dei Ricercatori 2021, due turni serali al Museo con laboratori per bambini condotti da ricercatori, tra cui Riccardo Dessi di P&G che terrà un laboratorio dedicato alla progettazione e allo sviluppo di nuovi prodotti sostenibili.
(ITALPRESS).

Draghi: “Forte ripresa, le previsioni stimano una crescita al 6% per quest’anno”

L’Italia vive oggi un periodo di forte ripresa, migliore di quello che avevamo immaginato solo qualche mese fa. Le previsioni del Governo, che presenteremo tra pochi giorni, stimano una crescita intorno al 6% per quest’anno, a fronte del 4,5% ipotizzato in primavera”. Così Mario Draghi nel suo intervento all’assemblea pubblica di Confindustria al Palasport di Roma. “La produzione industriale ha superato a luglio il valore registrato prima dell’inizio della pandemia – ha aggiunto – Le esportazioni nel secondo trimestre di quest’anno sono state del 4,8% più alte che nello stesso periodo del 2019, prima della crisi sanitaria”. Secondo Draghi, inoltre, “al rafforzamento dell’economia si accompagna un miglioramento dell’occupazione“. “A luglio il numero di occupati è cresciuto di oltre 400mila unità rispetto all’anno prima – ha concluso – Il mercato del lavoro è ripartito”.

L’articolo Draghi: “Forte ripresa, le previsioni stimano una crescita al 6% per quest’anno” proviene da Il Fatto Quotidiano.

Iacono (Engie): “Obiettivo net zero carbon entro il 2045”

Roma, 23 set. (Adnkronos) – “Engie è un player energetico a 360°: leader della transizione energetica, presidia l’intera filiera per accelerare la transizione verso un’economia carbon neutral, conciliando performance economica e impatto positivo sulle persone e sul pianeta. Engie ha l’obiettivo net zero carbon entro il 2045”. Così Monica Iacono, Ceo di Engie Italia, nel suo intervento all’evento ‘Il Climate Pledge: l’impegno del digitale per la sostenibilità’.

“Engie ha raggiunto in Italia circa 500 MW di capacità produttiva rinnovabile, distribuita in oltre 20 parchi eolici e fotovoltaici presenti in diverse regioni italiane tra cui Sicilia, Molise, Umbria, Lombardia, Basilicata, Puglia, Calabria e Campania – continua – L’obiettivo è di arrivare a 1,2 GW entro il 2025, grazie ad un ambizioso piano di sviluppo basato su importanti e crescenti investimenti, contribuendo in modo significativo al Piano Energia e Clima 2030 (Pniec) e alla decarbonizzazione del nostro Paese”.

“I due importanti impianti agro-fotovoltaici che stiamo costruendo, in collaborazione con Amazon, a Mazara e Paternò in Sicilia si collocano proprio in questo contesto – spiega – In particolare, il progetto Agro-Fotovoltaico di Engie è un progetto estremamente innovativo, un vero esempio di progettualità orientata alla sostenibilità intesa nel suo senso più ampio, abbracciando non solo la dimensione ambientale ma anche quella economica e sociale. Si basa su un’integrazione virtuosa con le attività agricole garantendo la salvaguardia del paesaggio rurale e una ricaduta positiva sul territorio”.

Continua Iacono: “Il nostro costante impegno per la decarbonizzazione del paese passa, oltre che per lo sviluppo delle rinnovabili, anche dai nostri progetti e dalle nostre soluzioni di efficienza energetica per case, aziende, edifici, scuole, ospedali, università fino alla riqualificazione dell’illuminazione pubblica e alla realizzazione di sistemi energetici, quali ad esempio le reti di teleriscaldamento per le città, che trasformiamo in smart city”.

Recovery, di qui a fine anno 44 scadenze da rispettare. Governo in stallo sui dossier divisivi: dal fisco a concorrenza e politiche attive

Dopo l’endorsement incondizionato al governo Draghi, il numero uno di Confindustria Carlo Bonomi ha detto di essere preoccupato. Perché “il cronoprogramma delle riforme rischia di slittare” e “i ritardi mettono a rischio le prossime tranche di fondi europei”. L’ultimo scricchiolio risale a due giorni fa, quando Il Sole 24 Ore ha titolato in prima pagina sull’allarme dei commissari straordinari alle opere del Recovery plan per la mancata nomina degli organi straordinari che dovrebbero velocizzare le procedure e nella dotazione di risorse e strumenti tecnici. Il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini si è affrettato a negare. Ma è un fatto che, dopo la breve pausa estiva, Palazzo Chigi si è concentrato sul nodo Green pass e ha lasciato che i dossier più divisivi – dal fisco alla concorrenza fino al tormento provvedimento sulle delocalizzazioni – si accumulassero sulle scrivanie dei ministri in attesa di scavallare le elezioni amministrative. E ora, con la Nota di aggiornamento al Def e la legge di Bilancio alle porte, i tempi per superare le resistenze corporative e rispettare le condizioni concordate con la Commissione europea sono ormai strettissimi. Non è un caso se durante il cdm di giovedì, come ha anticipato Draghi, “presenteremo il quadro del monitoraggio degli interventi del Pnrr previsti per l’ultimo trimestre del 2021″.

Di qui a fine anno 44 traguardi e 2 obiettivi da raggiungere – Dopo aver incassato in agosto il primo anticipo, di qui a fine anno come ha ricostruito l’Osservatorio sui conti pubblici dell’università Cattolica il governo deve raggiungere 44 “traguardi” e 2 “obiettivi” tra quelli dettagliati nelle oltre 2.400 pagine di schede progetto inviate a Bruxelles. Compresi 24 traguardi legati alle riforme, che rappresentano evidentemente la sfida maggiore. Soprattutto perché alcuni appuntamenti sono già stati mancati: fisco e concorrenza a parte, sulla legge di revisione delle norme anticorruzione prevista per giugno non ci sono notizie, e il Mise non ha ancora pubblicato l’invito a manifestare interesse per gli investimenti in “Importanti progetti di comune interesse europeo”. Le riforme degli ammortizzatori sociali e delle politiche attive, da coordinare con i correttivi sull’impianto del reddito di cittadinanza e gli interventi sulle pensioni post quota 100? Per ora solo bozze che non affrontano i problemi di fondo.

Delega fiscale ostaggio dei veti del centrodestra – Se sul processo penale e civile dopo molti scossoni la strada parlamentare a colpi di voti di fiducia sembra in discesa (ma resta l’incognita dei decreti attuativi), la delega fiscale che era attesa entro il 31 luglio è ostaggio dei veti di Lega e Forza Italia sulla revisione del catasto. Così, in questo come in molti altri casi, per sbloccare la situazione si attende un intervento diretto di Draghi. Che nel suo discorso di insediamento al Senato, prendendo in prestito le parole dell’amico e consigliere Francesco Giavazzi, aveva definito l’intervento per ridurre gradualmente il carico fiscale un “passaggio decisivo” ma aveva anche spiegato la necessità di affidare la riforma a una commissione di esperti di cui poi si sono perse le tracce. La stella polare sarà un documento approvato dalle Camere che per non scontentare nessuno evita accuratamente di citare l’ipotesi di aggiornare i valori catastali e aumentare le tasse sui grandi patrimoni o sulle successioni (anzi auspica che l’aliquota sui redditi da capitale venga ridotta) e “salva” la mini flat tax cara alla Lega. Ma, se non si riequilibra il carico, le risorse a disposizione per ridurre l’imposizione al ceto medio e l’Irap si fermeranno ai 3 miliardi concessi dal Tesoro.

Dossier concorrenza rinviato a dopo le amministrative – Altrettanto intricato il capitolo concorrenza. Basti dire che la legge sulle liberalizzazioni in teoria dovrebbe essere annuale, ma l’ultima è stata approvata nel 2017 dopo tre anni dal varo in consiglio dei ministri. Non prima di aver imbarcato una serie di favori – anche sotto forma di rinvii – alle varie lobby minacciate dal provvedimento che dovrebbe aprire il mercato: dalle assicurazioni alle compagnie telefoniche passando per tassisti, notai e farmacisti. Le bozze scritte dal governo Draghi che sono circolate in luglio non facevano ben sperare: per esempio non contenevano alcun riferimento alle concessioni balneari per la cui proroga fino al 2033 l’Italia è sotto procedura di infrazione Ue. Quando poi si è ipotizzato di affrontare anche quel capitolo, come “chiede l’Europa”, la levata di scudi è stata immediata. Idem sulle anticipazioni che ventilavano il ritorno allo Stato delle concessioni idroelettriche attribuite nel 2019 alle Regioni, la riforma dei servizi pubblici locali troppo spesso gestiti in house e l’innalzamento dei limiti di emissione elettromagnetica per il 5G: temi caldi per gli amministratori locali, in particolare quelli della Lega. Meglio rinviare la legge a dopo il voto.

Entro fine anno tutte le norme attuative sugli appalti – Le 69 pagine di tabelle allegate al decreto con cui in agosto il Tesoro ha ripartito tra le amministrazioni i 191,5 miliardi a valere sul Next Generation Eu evidenziano che entro fine anno vanno mandati in porto, solo per fare alcuni esempi, la riforma delle politiche attive e quelle dell’insolvenza (il cui cuore però è già stato rinviato al 2022), delle classi di laurea e degli alloggi per studenti, le disposizioni per la revisione della spesa pubblica e “tutte le leggi, i regolamenti e i provvedimenti attuativi (anche di diritto derivato) per il sistema degli appalti pubblici“. Quest’ultima, da sola, è un’impresa da far tremare i polsi: basti dire che a gennaio 2021, prima dell’insediamento di Draghi a Chigi, mancava ancora all’appello metà dei decreti attuativi previsti dal nuovo Codice varato cinque anni prima da Renzi. Compreso quello, cruciale, sulla qualificazione delle stazioni appaltanti, che non a caso è stato rispolverato nella delega sulla materia approvata dal cdm il 30 giugno. Per rispettare l’obiettivo bisogna correre, superando le resistenze degli enti locali poco propensi a perdere competenze sulle gare e sui bandi con cui verranno assegnate risorse importanti.

I ritardi sulle grandi opere – Tutto si tiene e la mancanza del decreto che dovrà accorpare le stazioni appaltanti riducendone il numero e aumentandone le competenze si riflette anche sulle grandi opere. “Non ho ricevuto alcuna lettera dei commissari preoccupati”, ha reagito il ministro Giovannini dopo le indiscrezioni del Sole sul malcontento per la stasi sui grandi progetti infrastrutturali che scontano la mancata nomina dei membri della Commissione speciale per la valutazione di impatto ambientale e del comitato speciale del Consiglio lavori pubblici. Ma, ha ricordato in un’intervista a La Stampa, “questi comitati devono esprimersi sui piani di fattibilità tecnico-economica che spetta alle stazioni appaltanti preparare e che non sono ancora pronti”. Appunto.

Non c’è la quadra sulle delocalizzazioni – Non c’entra invece con il Pnrr, ma è la dimostrazione plastica delle difficoltà di procedere tenendo insieme una maggioranza a dir poco eterogenea, la parabola del decreto delocalizzazioni tornato di attualità dopo la sentenza del Tribunale del lavoro su Gkn. In agosto le bozze scritte dal ministro del Lavoro Andrea Orlando (Lega) e dalla viceministra dello Sviluppo Alessandra Todde (M5s), che prevedevano l’obbligo di mettere a punto un piano che limiti le ricadute occupazionali ed economiche in caso di licenziamento collettivo, sono state impallinate da Confindustria e hanno di conseguenza trovato la strada sbarrata da parte del titolare del Mise Giancarlo Giorgetti. Depotenziarle eliminando l’ipotesi di una sanzione per le aziende che se ne vanno dopo aver incassato soldi pubblici non è bastato: l’uomo-macchina della Lega vuol ribaltare l’impianto, puntando su incentivi per chi riassorbe lavoratori coinvolti in casi di crisi. Una serie di riunioni a Chigi con Giavazzi e al ministero del Lavoro non è bastata per trovare la famosa “sintesi politica”, nemmeno sull’ipotesi di limitarsi a rafforzare la procedura da seguire in caso di chiusura. Chissà se il tema entrerà nel “patto economico, produttivo, sociale” auspicato da Draghi all’assemblea di Confindustria.

L’articolo Recovery, di qui a fine anno 44 scadenze da rispettare. Governo in stallo sui dossier divisivi: dal fisco a concorrenza e politiche attive proviene da Il Fatto Quotidiano.

Giornata dell’orgoglio bisessuale, che non vuol dire voler fare sesso per forza con tutti

Oggi, 23 settembre, è la Giornata mondiale dell’orgoglio bisessuale e vorrei parlare di una cosa venuta fuori durante una discussione con una mia amica il weekend scorso mentre eravamo al pub (sai chi sei, ti voglio bene, ciao). Senza dilungarmi troppo sul contesto, la mia amica stava facendo un mischione tra bisessualità, poliamoria e coppie aperte (di cui assolutamente non voglio parlare in questa sede), come se una persona bisessuale non potesse fare a meno di stare in una coppia aperta. Nella mente della mia amica, essere attratto/a da tutti i generi implicava la necessità di volerseli scopare tutti. Le ho prontamente fatto notare che, anche se io sono lesbica e lei è una donna, non avevo così tanta voglia di scoparmela davanti al mio hamburger, se non altro per delicatezza nei confronti della sua ragazza che sedeva con noi (ciao, voglio egualmente bene anche a te).

Il problema è che questo preconcetto non sia poi così raro e molte persone la pensano come la mia amica. Quest’idea, però, non è ancorata alla realtà. Ci sono, ovviamente, di sicuro, persone bisessuali in coppie aperte o in relazioni poliamorose, ma moltissime di più sono in coppie monogame. Da dove viene allora questo preconcetto? Ma ovviamente dagli uomini etero! E no, non saltate subito sulla sedia, lasciatemi spiegare.

La società ci imbocca di continuo l’immagine degli uomini come di bestie senza neuroni, che cercano solo di ficcare il loro pene in qualsiasi buco sia in prossimità di un paio di tette. Veniamo bombardati talmente tanto da questa idea degli uomini, che spesso gli uomini stessi si convincono e riducono a essere solo quello. Ebbene, in un mondo in cui gli uomini eterosessuali sono dominanti, è normale che quello diventi anche l’approccio al concetto generico di attrazione sessuale. Se hai un pene e sei attratto dalle vagine, vuoi scoparti le vagine indipendentemente dalle persone a cui sono attaccate. Se hai una vagina (spesso per gli uomini indipendentemente dal tuo orientamento sessuale) devi per forza volere il pene di chiunque te lo presenti. Se sei attratto/a da entrambi pene e vagina, ovviamente vuoi scoparti entrambi, indipendentemente dalle persone a cui sono attaccate e dalle altre relazioni in cui sei.

Ovviamente sappiamo tutti che le relazioni non funzionano davvero così (a meno che non si faccia parte dei gruppi delle pancine del Signor Distruggere). Per tornare al mio commento verso la mia amica, io non voglio fare sesso con tutte le donne solo perché sono lesbica e se sono in una relazione con una donna di cui sono genuinamente innamorata non ho voglia di altre donne. Se sono felicemente in una relazione con una donna mora, non sento il bisogno di andare a far sesso con una donna bionda (o viceversa).

Allo stesso modo una persona bisessuale, in una relazione con una persona di certo genere, non necessariamente deve voler giacere con qualcuno di un altro genere. La cosa è soprattutto dannosa per le donne bisessuali, magari in una relazione con una donna, che troppo spesso vengono approcciate in maniera aggressiva da uomini fermamente convinti che la donna in questione, essendo bisessuale, non debba vedere l’ora di fare sesso con loro, magari organizzando una cosa a tre.

Questa ipersessualizzazione delle persone bisessuali anche da parte della comunità Lgbt stessa è terribile perché, in fondo, non fa altro che esacerbare la percezione che molti eterosessuali ignoranti e omofobi hanno di tutta la comunità, ossia che siamo una massa di depravati che vivono in totale promiscuità. Dimenticandoci noi stessi che le persone non sono solo il loro orientamento sessuale, non facciamo altro che il gioco di tutte quelle persone che non vogliono darci pari diritti perché ci classificano come meno che umani.

In conclusione, vi chiedo per oggi, Giornata mondiale della bisessualità, e per sempre, di ricordarvi che le persone non sono solo il loro orientamento sessuale, né il proprio genere o organo sessuale e che, a prescindere da tutto (uomini etero in discoteca o che mandate le dick pics, vi vedo che vi nascondete lì in fondo), non tutti vogliono per forza fare sesso con voi anche se appartenete al genere da cui sono attratti.

L’articolo Giornata dell’orgoglio bisessuale, che non vuol dire voler fare sesso per forza con tutti proviene da Il Fatto Quotidiano.

Messina, Nanomateriali e deumidificazione elettrofisica per preservare i Beni Culturali

Palermo, 23 set. (Adnkronos) – Si potrebbero utilizzare le nanotecnologie per preservare dall’ammaloramento i più importanti Beni Culturali della città dello Stretto, con dei trattamenti che ne possano conservare la memoria storica, non siano invasivi e rispettano la loro integrità e siano ecocompatibili. Tutto questo è possibile intervenendo con tecnologie non pellicolanti, traspiranti, reversibili che conferiscono una maggiore durevolezza, resistenza all’abrasione, al calpestio, all’aggressione da parte della pioggia, all’attacco dello smog e siano nello stesso tempo rispettose dell’ambiente”. A dirlo Sabrina Zuccalà Presidente del Laboratorio internazionale ‘4ward360′, pluripremiata come Eccellenza Italiana ed Internazionale nel campo delle Nanotecnologie e innovazioni tecnologiche, stamani durante una conferenza stampa al Comune di Messina su “Salvaguardia dei Beni Culturali con le nuove tecnologie”. Alla conferenza hanno partecipato ìl vicesindaco Carlotta Previti, l’assessore comunale alla Cultura Enzo Caruso, Antonio Sabbatella presidente dell’Istituto studi europei Alcide De Gasperi e già coordinatore dell’Ufficio Dipartimento Politiche europee della Presidenza del Consiglio.

“Inoltre – aggiunge Zuccalà – in una città di mare come questa, l’umidità da risalita capillare è un problema esistente in tutti gli edifici storici e non risolvibile con i metodi tradizionali. Oggi grazie alla deumidificazione elettrofisica possiamo risolvere il problema in modo definitivo. Questa tecnologia genera un campo elettromagnetico all’interno delle murature che interagisce con le molecole dell’acqua e ne impedisce la risalita, mentre le nanotecnologie proteggono i muri dal degrado dell’acqua dovuto agli eventi atmosferici e ne conservano la traspirabilità”.

“Abbiamo sviluppato questi nanomateriali – ha concluso Zuccalà – che potrebbero creare centinaia di posti di lavoro in una Regione come la Sicilia che ha molteplici Beni Culturali da preservare, puntando così sul turismo culturale. Potrebbero essere tanti gli occupati nel settore del restauro conservativo con l’utilizzo delle nanotecnologie, abbiamo bisogno di giovani specializzati che vogliono investire nella formazione per essere protagonisti del loro futuro e di quello della loro terra”.