Scuola, Regioni in ordine sparso: riaprono solo in 3. Azzolina: “Dad non funziona più, sono preoccupata. Sto con i ragazzi”

I ragazzi delle superiori tornano a scuola in tre regioni. Oggi sarà il primo giorno in presenza al 50% per gli studenti della Toscana (166mila) dell’Abruzzo (56.500) e della Valle d’Aosta, mentre tutte le altre regioni hanno deciso di rinviare la riapertura degli istituti, chi per una settimana (dal 18 gennaio) e chi almeno fino a fine mese, a causa dell’alto numero di contagi e del timore di ripercussioni sulla curva nel periodo post-natalizio e con la campagna vaccinale che sta entrando nel vivo. Da Nord a Sud sono previste proteste e flash mob, con studenti e insegnanti che chiedono di poter tornare alla didattica in presenza e la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che si schiera dalla loro parte: ” “Ho fatto tutto quello che potevo fare, le scuole sono pronte per ripartire ma le Regioni hanno la possibilità di riaprirle o meno. Chiedo a tutti di trattare la scuola come si trattano le attività produttive. Oggi la didattica a distanza non può più funzionare”.

L’articolo Scuola, Regioni in ordine sparso: riaprono solo in 3. Azzolina: “Dad non funziona più, sono preoccupata. Sto con i ragazzi” proviene da Il Fatto Quotidiano.