All posts by guido caldiron

Giuseppe Prestipino, l’utopia come senso comune

«Questo no! Resta qui!»: così mi ha detto qualche tempo fa Giuseppe Prestipino quando, insieme ad altri amici, abbiamo raccolto su sua richiesta i volumi della sua biblioteca per trasferirli dove piaceva alla sua volontà. Tutti i libri dovevano essere sistemati negli scatoloni tranne uno: La montagna incantata di Thomas Mann. È l’unico classico che Prestipino ha sempre continuato a leggere in formato cartaceo. Una passione particolare per la vicenda e per i protagonisti, per lo scontro fra Settembrini e … Continua

L’articolo Giuseppe Prestipino, l’utopia come senso comune proviene da il manifesto.

Porta Pia, una breccia al centro della storia italiana

Per quanto i centocinquant’anni trascorsi dalla presa di Roma siano stati ricordati in vario modo sui media, l’attenzione è stata per lo più riposta sul fatto militare – un blitz, l’entrata dei bersaglieri nella città papale, contro la Francia protettrice del Papa ma in ginocchio, pochi giorni dopo l’inutile massacro di Sedan – e sulle implicazioni che ebbe nei rapporti tra Stato italiano e Chiesa cattolica. EPPURE, quella ricorrenza che tanto ha segnato la storia italiana – ogni città ha … Continua

L’articolo Porta Pia, una breccia al centro della storia italiana proviene da il manifesto.

Indagine semiseria sull’intelligenza artificiale

Immaginate che un ricercatore si trovi all’improvviso di fronte all’oggetto della propria ricerca. Ad esempio uno che ha passato la vita a cercare di provare l’esistenza del mostro di Loch Ness o dello yeti e si trovi all’improvviso di fronte il mostro o il bestione dell’Himalaya. O meglio ancora, che un filosofo intento a riflettere sull’esistenza o meno di Dio si trovi all’improvviso davanti l’Essere perfettissimo, Creatore e Signore del cielo e della terra che gli rivolge la parola. Ecco … Continua

L’articolo Indagine semiseria sull’intelligenza artificiale proviene da il manifesto.

Julia Phillips, uno spazio infinito per allestire un delitto della camera chiusa

Alëna e Sofija ingannano il pomeriggio in attesa del ritorno della madre spingendosi fin nel centro della città. Camminano sulle spiagge di ciottoli lambite dalle acque gelide che conducono verso il mare aperto e per quella via lontano, verso il Pacifico, lasciandosi alle spalle le coste orientali della Russia. È AGOSTO, ma l’estate da queste parti è appena più mite dell’inverno, non c’è la neve lungo le strade ma il sole che scalda la pelle non fa davvero pensare a … Continua

L’articolo Julia Phillips, uno spazio infinito per allestire un delitto della camera chiusa proviene da il manifesto.

Julia Phillips, uno spazio infinito per allestire un delitto della camera chiusa

Alëna e Sofija ingannano il pomeriggio in attesa del ritorno della madre spingendosi fin nel centro della città. Camminano sulle spiagge di ciottoli lambite dalle acque gelide che conducono verso il mare aperto e per quella via lontano, verso il Pacifico, lasciandosi alle spalle le coste orientali della Russia. È AGOSTO, ma l’estate da queste parti è appena più mite dell’inverno, non c’è la neve lungo le strade ma il sole che scalda la pelle non fa davvero pensare a … Continua

L’articolo Julia Phillips, uno spazio infinito per allestire un delitto della camera chiusa proviene da il manifesto.

Cambiare l’Europa lungo la frontiera invisibile con l’Africa

Sui 18 metri del veliero Alex della ong Mediterranea Saving Humans, nelle acque mediterranee tra l’Italia e la Libia, tra il 4 e il 7 luglio del 2019 erano in settanta, undici membri dell’equipaggio tra i quali attivisti, giornalisti, e 59 migranti soccorsi da un barcone. ALESSANDRA SCIURBA è la presidente di quella che i fondatori, più che un’organizzazione non governativa, definiscono come un’azione non governativa. Il suo Salvarsi insieme (Ponte alle Grazie, pp. 159, euro 15) è una sorta … Continua

L’articolo Cambiare l’Europa lungo la frontiera invisibile con l’Africa proviene da il manifesto.

Patty Yumi Cottrell, indagine semiseria tra le ferite dell’anima

Helen è fuggita da Milwaukee, dal senso di oppressione che ha sempre provato nella casa della coppia di bianchi della classe media che ha adottato sia lei che un altro ragazzo coreano di poco più piccolo. Da New York, dove vive di stenti e dove si è trasformata in «Sorella Affidabilità» per un gruppo di ragazzi difficili dei quali si occupa, proprio lei che non sembra in grado di badare neppure a sé stessa, dovrà però fare ritorno nel Midwest … Continua

L’articolo Patty Yumi Cottrell, indagine semiseria tra le ferite dell’anima proviene da il manifesto.

Amos Luzzatto, riannodare più fili in un’esistenza

Esiste forse un’espressione con la quale racchiudere la poliedricità di una vita che attraversa buona parte del Novecento, per arrivare ad oggi: «comunità etica». Non contrassegna un rigido sistema di “valori”, non costituisce un paradigma inossidabile, soprattutto non è una posa ad uso e consumo del momento. È semmai il bisogno inesauribile di una ricerca di significato per l’esistenza medesima, che cerca poi di farsi lingua di condivisione, rivolgendosi a chiunque intenda farsene interlocutore. Non è quindi falso ecumenismo, non … Continua

L’articolo Amos Luzzatto, riannodare più fili in un’esistenza proviene da il manifesto.

La contesa per il terreno di gioco che può far diventare adulti

È l’estate di tutte le scoperte. Del marcio che minaccia il mondo adorato del pallone, con lo scandalo di «Calciopoli» appena scoppiato, proprio mentre la Nazionale si gioca il mondiale in Germania. Dei primi vaghi tentativi di approccio con le coetanee: baci sbavati ad ogni angolo del paese al termine di improbabili «passeggiate» che qualcuno insegue più per essere al pari con gli altri che in nome di un desiderio ancora sconosciuto. MA È SOPRATTUTTO il momento dell’incontro con qualcosa … Continua

L’articolo La contesa per il terreno di gioco che può far diventare adulti proviene da il manifesto.

Festivaletteratura 2020, sfide e profezie per un classico che si reinventa

Non solo lo splendido scenario della città, ma una radio interamente dedicata all’evento, un ampio ricorso allo streaming e all’online e un almanacco dove raccogliere contributi e idee. Di fronte alla sfida della pandemia, il Festivaletteratura di Mantova, la cui ventiquattresima edizione si inaugura domani (per chiudersi domenica) si è dovuto reinventare, cercando di trasformare limitazioni e ostacoli in altrettante, nuove, possibilità. DI UN EVENTO CREATO «daccapo» hanno parlato non a caso gli organizzatori che sottolineano come «in questo stato … Continua

L’articolo Festivaletteratura 2020, sfide e profezie per un classico che si reinventa proviene da il manifesto.