All posts by giovanna branca

Il lavoro sul set ai tempi del Covid, sfide e soluzioni in Usa e Uk

Mentre molti set sono ripartiti ormai da tempo in tutto il mondo, e anche negli Stati Uniti dove i casi di Covid hanno continuato a crescere per tutta l’estate, le produzioni hollywoodiane si sono mosse finora sulla base di linee guida di massima e accordi caso per caso, in assenza di un piano definitivo e onnicomprensivo concordato fra Amptp (Alliance of Motion Picture and Television Producers, l’associazione dei produttori cinematografici e televisivi) e i sindacati di categoria. Una trattativa con … Continua

L’articolo Il lavoro sul set ai tempi del Covid, sfide e soluzioni in Usa e Uk proviene da il manifesto.

Edoardo Bruno, l’invenzione critica come un gesto d’amore

A Edoardo Bruno, critico cinematografico, regista, fondatore e direttore di «Filmcritica», morto ieri a Roma all’età di 92 anni, usavo dire scherzando (ma non tanto) che era una specie di mago, di magico prestigiatore capace di coordinare e armonizzare i contributi più disparati, far sì che apparissero frutto di chissà quale volontà ordinatrice, senza che in realtà nulla mai venisse imposto. Nel 1950, anche in seguito all’incoraggiamento di André Bazin, con cui strinse amicizia al Festival di Cannes, fondò e … Continua

L’articolo Edoardo Bruno, l’invenzione critica come un gesto d’amore proviene da il manifesto.

«Assandira», una storia familiare nelle ferite della Sardegna

Sotto un cielo livido di pioggia si stagliano le rovine di quello che era stato un agriturismo, Assandira, consumato da un incendio e distrutto come le vite di decine di animali i cui cadaveri vengono portati via dai vigili del fuoco. Ma c’è anche il corpo senza vita di un uomo, Mario, il figlio del pastore Costantino Saru (Gavino Ledda), che si aggira senza sosta fra le macerie, trafitto dalla morte del figlio: quel fuoco distruttore in Sardegna così abituale … Continua

L’articolo «Assandira», una storia familiare nelle ferite della Sardegna proviene da il manifesto.

Enrique Irazoqui, la rivoluzione prima del cinema

È stato uno dei volti «pasoliniani» per eccellenza, il Cristo de Il Vangelo secondo Matteo, finito involontariamente nel cast del capolavoro del regista e poeta friulano: Enrique Irazoqui, scomparso la notte scorsa, il 16 settembre, in un ospedale di Barcellona. Aveva 76 anni. ATTIVISTA politico, intellettuale, accademico, scacchista e attore «per caso», legato solo per breve tempo al mondo della celluloide, nonostante qualche occasione non sia mancata. All’epoca dell’incontro con Pasolini Irazoqui è uno studente diciannovenne, in Italia per conto … Continua

L’articolo Enrique Irazoqui, la rivoluzione prima del cinema proviene da il manifesto.

Mix, scompigliare nel presente i «generi» sugli schermi

Si apre oggi a Milano Mix, il festival di cinema Gaylesbico e Queer culture, luogo di visioni ma soprattutto riferimento e occasione di incontro da sempre per le comunità. Anche quest’anno sarà possibile ritrovarsi – nel rispetto ovviamente delle norme di sicurezza imposte dalla pandemia, le proiezioni saranno prenotabili dal sito: www.festivalmixmilano.com – al Teatro Strehler (fino al 20 settembre) in presenza, visto che il festival, ora diretto da Paolo Armelli, Andrea Ferrari, Debora Guma, ha deciso per una formula … Continua

L’articolo Mix, scompigliare nel presente i «generi» sugli schermi proviene da il manifesto.

L’incontro di fragilità e forza nei corpi femminili di «Sonoma»

Un rullo di tamburo improvviso, mischiato a un limpido canto femminile. La luce in sala al teatro Zandonai di Rovereto non è ancora pienamente abbassata, quando il suono, potente, inatteso, arriva all’orecchio come un fiume in piena. Quasi una metafora sonora di quel risveglio dello spettacolo dal vivo di cui si sente più che mai l’esigenza. LO SGUARDO si tende, allertato e incuriosito, verso la scena dove una grande croce è appoggiata a terra, al centro. Danzatrici chine, il capo … Continua

L’articolo L’incontro di fragilità e forza nei corpi femminili di «Sonoma» proviene da il manifesto.

L’incontro di fragilità e forza nei corpi femminili di «Sonoma»

Un rullo di tamburo improvviso, mischiato a un limpido canto femminile. La luce in sala al teatro Zandonai di Rovereto non è ancora pienamente abbassata, quando il suono, potente, inatteso, arriva all’orecchio come un fiume in piena. Quasi una metafora sonora di quel risveglio dello spettacolo dal vivo di cui si sente più che mai l’esigenza. LO SGUARDO si tende, allertato e incuriosito, verso la scena dove una grande croce è appoggiata a terra, al centro. Danzatrici chine, il capo … Continua

L’articolo L’incontro di fragilità e forza nei corpi femminili di «Sonoma» proviene da il manifesto.

Sangue nero e anima napoletana, la storia del pioniere James Senese

«C’avevo dodici o tredici anni, io e Mario Musella eravamo dei bravi ballerini e andavamo alle feste di paese. Poi un giorno ho scoperto lo strumento che ha cambiato per sempre la mia vita, il sassofono». Parole di James Senese, l’entusiasmante santone della musica napoletana, il pioniere delle contaminazioni jazz-blues- rock, una potente carica d’energia dai tempi degli Showmen a quelli di Pino Daniele, celebrato da un documentario James, di Andrea Della Monica, 65 minuti di lunghezza, passato alle Giornate … Continua

L’articolo Sangue nero e anima napoletana, la storia del pioniere James Senese proviene da il manifesto.

Sangue nero e anima napoletana, la storia del pioniere James Senese

«C’avevo dodici o tredici anni, io e Mario Musella eravamo dei bravi ballerini e andavamo alle feste di paese. Poi un giorno ho scoperto lo strumento che ha cambiato per sempre la mia vita, il sassofono». Parole di James Senese, l’entusiasmante santone della musica napoletana, il pioniere delle contaminazioni jazz-blues- rock, una potente carica d’energia dai tempi degli Showmen a quelli di Pino Daniele, celebrato da un documentario James, di Andrea Della Monica, 65 minuti di lunghezza, passato alle Giornate … Continua

L’articolo Sangue nero e anima napoletana, la storia del pioniere James Senese proviene da il manifesto.

Dietro un vestito di seta verde, le molte vite di Jimi Hendrix

«Quando non ci sarò più, non smettete di mettere i miei dischi», diceva. Gliene sono bastati tre, per scardinare le barriere del rock e fissare il nuovo linguaggio della chitarra elettrica. Inattaccabile l’artista, vituperato l’uomo, modalità tanto cara allo show-business in cui «leggenda» è eufemismo di bugia. Sorte comune a tanti, particolarmente impietosa per James Marshall Hendrix, scomparso il 18 settembre del 1970. Non che siano mancate del tutto, in questi anni, le istanze di verità storica, rivendicate soprattutto dalla … Continua

L’articolo Dietro un vestito di seta verde, le molte vite di Jimi Hendrix proviene da il manifesto.