All posts by apelagatti

Francia-Romania, biscotto è stato: Italia eliminata dall’Europeo Under 21

Francia-Romania, biscotto è stato: Italia eliminata dall'Europeo Under 21

Francia-Romania, biscotto è stato: Italia eliminata dall’Europeo Under 21 (foto Ansa)

ROMA – Francia-Romania come Svezia-Danimarca del 2004. Ancora una volta la Nazionale Italiana è stata eliminata dal campionato Europeo, anche se ora parliamo di Under 21, per un “biscotto“.

A Francia e Romania bastava un pareggio, con qualsiasi risultato, per accedere a braccetto alle semifinali di Euro 2019 e ai prossimi Giochi Olimpici e pareggio è stato.  Uno zero a zero tanto scontato quanto sfacciato con appena un tiro nello specchio della porta da parte della Francia.

Avete capito bene, un tiro nello specchio della porta. Dato piuttosto singolare per due squadre che erano già a sei punti e che nei primi due match della competizione avevano espresso un gioco spumeggiante. 

La Romania addirittura viaggiava ad una media di quattro gol a partita, arrivava al match contro la Francia forte del 4-1 contro la Croazia e del 4-2 rifilato all’Inghilterra. Oggi la macchina da gol rumena non è stata in grado di scagliare una, dico una, conclusione nello specchio della porta avversaria. 

Anche la Francia, nemmeno ci ha provato. La partita si è risolta in un noioso possesso palla a centrocampo. Insomma, il più classico dei biscotti per mandare a casa gli azzurri. 

L’Italia ha vinto 3-1 contro la Spagna e 3-1 contro il Belgio, agli azzurrini è stato fatale lo scivolone di Bologna contro la Polonia.

Una gara stregata che gli ospiti hanno vinto con un unico tiro in porta, trasformato in gol da un errore del portiere Meret, e con parate prodigiose del loro estremo difensore. All’Italia sarebbe bastato un pareggio ma il bolide dalla distanza di Lorenzo Pellegrini ha concluso la sua corsa sulla traversa. 

Siamo già ai titoli di coda, alle recriminazioni, perché Francia e Romania non se la sono giocata. Hanno osservato un turno di riposo e si sono qualificate entrambe alle semifinali del campionato europeo under 21. Le due Nazionali hanno festeggiato anche l’accesso ai Giochi Olimpici. Alla faccia degli azzurrini e della lealtà sportiva. Non fateci più la morale. 

L’articolo Francia-Romania, biscotto è stato: Italia eliminata dall’Europeo Under 21 sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Van Gaal boccia Messi e Neymar: “Preferisco Milner”

Van Gaal boccia Messi e Neymar: "Preferisco Milner"

Van Gaal boccia Messi e Neymar: “Preferisco Milner”. Foto EPA/PETER POWELL

BARCELLONA – Louis van Gaal boccia Lionel Messi e Neymar nel corso di una intervista rilasciata a El Paìs. L’ex allenatore del Barcellona ha criticato i due attaccanti perché li ritiene troppo individualisti e poco funzionali al gioco di squadra.

Si tratta di dichiarazioni sorprendenti perché tutti gli allenatori del mondo vorrebbero fuoriclasse del calibro di Messi e Neymar. Tutti ma non van Gaal.
Le dichiarazioni dell’ex allenatore del Barcellona sono riportate dal sito gianlucadimarzio.com.

“Lionel Messi? Per me, è il miglior calciatore individuale sulla faccia della Terra. Lo dicono le statistiche, che sono pazzesche. A calcio, però, si gioca in undici”.

Meglio Neymar o Messi? All’interno di un sistema di gioco, non mi piace nessuno dei due. Individualmente, Messi è fantastico come calciatore. Ma com’è possibile che il Barcellona non vince la Champions da tantissimi anni? Come mai? Fossi in lui, come capitano della squadra, me lo chiederei. Io non credo che Arthur, Vidal, Jordi Alba, Rakitic e Coutinho siano dei compagni di squadra scarsi. E allora, significa che c’è qualcosa che non funziona. E Messi, inevitabilmente, deve essere considerato come uno dei responsabili”

Più che giocatori come Messi e Neymar, io apprezzo quelli funzionali al gioco di squadra. Un nome? James Milner del Liverpool. A 33 anni, ha giocato una finale di Champions League come centrocampista e come difensore. Pure gli attaccanti dei Reds, però, sanno dare tanto a chi è in campo con loro.

Per come la vedo io, anche Messi e Neymar dovrebbero giocare per la squadra. Quando Neymar era al Barcellona, invece che giocare per la squadra… giocava per Messi! Solo Guardiola ha fatto un buon lavoro con Leo: Messi giocava per la squadra, il Barça vinse la Champions. Dopo Pep, tutti gli allenatori del Barcellona hanno messo Lionel davanti al resto della formazione”.

L’articolo Van Gaal boccia Messi e Neymar: “Preferisco Milner” sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Italia-Cina, Mondiale Femminile: dove vedere la partita. Data e orario

Italia-Cina, Mondiale Femminile: dove vedere la partita. Data e orario

Italia-Cina, Mondiale Femminile: dove vedere la partita. Data e orario. Foto EPA/TOLGA BOZOGLU

ROMA – Italia-Cina, partita valida per gli ottavi di finale del Mondiale Femminile di calcio, verrà trasmessa in diretta tv ed in streaming sia da Sky Sport (a pagamento) che da Rai 1 (in chiaro). La partita sarà visibile anche in diretta streaming su SkyGo (a pagamento) e sul sito internet della Rai (gratuitamente). Italia-Cina si giocherà il 25 giugno alle ore 18.00. 

Stanno entusiasmando un intera nazione le ragazze della Nazionale allenata da Milena Bertolini ai mondiali di calcio femminile di Francia, e ora, dopo essersi assicurate gli ottavi di finale le azzurre non vogliono fermarsi.

Parola di Laura Giuliani, numero 1 delle azzurre, che dal ritiro di Montpellier in vista della sfida con la Cina di martedì prossimo (ore 18 – diretta su Rai 1 e Sky Sport – allo ‘Stade de La Mosson’ di Montpellier) che varrà l’accesso ai quarti di finale, non nasconde le ambizioni azzurre: “Siamo arrivate sino a qua – le parole di Giuliani in conferenza stampa – è un peccato mettersi ora dei freni. Continuiamo a sognare, nessuno si aspettava questi risultati e tutto quello che viene da adesso in poi è qualcosa di guadagnato”.

La numero uno azzurra ha riscosso grandi consensi, dimostrando di essere tra i migliori portieri (“preferisco portiere a portiera”) del Mondiale: con l’Australia ha parato il rigore calciato da Sam Kerr (“non mi definisco una para rigori, ma ne ho parati alcuni importanti”). Laura Giuliani ha trascorso cinque anni in Germania dove il calcio non le bastava per mantenersi.

Addetta in una fabbrica all’impacchettamento di Dvd, cameriera al ristorante, barista, ha lavorato anche di notte in un panificio. Tanti sacrifici ripagati dalla soddisfazione di difendere la porta della Nazionale: “Quando ho deciso di andare a fare la panettiera era un momento di difficoltà e mi sono detta che era l’unico lavoro che potessi fare per potermi allenare di giorno – racconta – Il fatto di lavorare contemporaneamente al calcio è stato un modo per staccarmi dalla routine e per avere un’altra visione delle cose. All’inizio ho lavorato per costrizione, poi è stata una scelta” (fonte Ansa).

 

L’articolo Italia-Cina, Mondiale Femminile: dove vedere la partita. Data e orario sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Napoli, il comunicato su Insigne e Allan scatenia l’ironia sui social

Napoli, il comunicato su Insigne e Allan scatenia l'ironia sui social

Napoli, il comunicato su Insigne e Allan scatenia l’ironia sui social. Foto ANSA/CIRO FUSCO

NAPOLI – “La Gazza scrive che Ancelotti avrebbe detto Ok alla vendita di Allan e Insigne. Possiamo definirla la prima grossa bufala della stagione. I giocatori del Napoli non sono in vendita. E non è arrivata nessuna offerta degna del loro valore. Se dovessero arrivare verranno valutate”.

Su Twitter, arriva la risposta del Napoli alle indiscrezioni di mercato pubblicate oggi da “La Gazzetta dello Sport” sulle possibili cessioni utili per sbloccare il mercato e “per fare cassa: Allan al Psg (65 milioni) e Lorenzo Insigne (70) per il quale ha avuto l’ok del tecnico”.

Un attacco diretto quello del Napoli nei confronti del quotidiano, che però lascia anche trapelare una leggera contraddizione in quanto la società sottolinea come i calciatori non siano in vendita, per poi ammettere che offerte adeguate verrebbe poi valutate.

Il tweet ha scatenato l’ironia sui social: “Non sono in vendita a meno che non arrivino offerte. Non fa una piega” scrive un utente. “Non li hanno di certo dichiarati incedibili” sottolinea un altro. “Il primo caso di giocatori non in vendita ma sul mercato” scherza un altro tifoso (fonte AGI).

La verità è che Lorenzo Insigne ed Allan sono tutto meno che incedibili. Il Napoli vuole fare investimenti importanti. Nelle prossime ore dovrebbe arrivare James Rodriguez e nel corso dell’estate potrebbero arrivare anche Kostas Manolas e Lozano.

Il colombiano costerà poco nell’immediato, visto che il Napoli pagherà solamente dieci milioni di euro per il prestito, ma tanto la prossima estate quando i campani dovranno sborsare altri quaranta milioni di euro per acquistarlo a titolo definitivo. 

Su Manolas ci sono pochi calcoli da fare. La Roma lo lascerà andare solamente in cambio dei 36 milioni di euro previsti dalla sua clausola rescissoria. Mentre Lozano costa decisamente di più. De Laurentiis non fa mai il passo più lungo della gamba quindi prima di comprare questi calciatori sfoltirà inevitabilmente la rosa con delle cessioni. 

L’articolo Napoli, il comunicato su Insigne e Allan scatenia l’ironia sui social sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

De Rossi resta in Italia, tifosi Lazio provocano: “Da noi come Ciccio Cordova”

De Rossi resta in Italia, tifosi Lazio provocano: "Da noi come Ciccio Cordova"

De Rossi resta in Italia, tifosi Lazio provocano: “Da noi come Ciccio Cordova” (foto Ansa)

ROMA – Da ieri sera rimbalza la notizia della decisione di Daniele De Rossi di voler continuare a giocare in Serie A. Secondo Sky Sport, il centrocampista 35enne avrebbe scelto di non lasciare l’Italia, rifiutando così le offerte di Los Angeles e Boca Juniors. Voci di mercato parlano di tre squadre interessate più di altre: il Mlan del nuovo ds Frederic Massara (ex Roma), la Sampdoria del neo allenatore Eusebio Di Francesco e del tifoso romanista Massimo Ferrero, infine la Fiorentina degli amici Vincenzo Montella e Daniele Pradè.

Su Twitter, l’hashtag #DeRossi è trending topic da ieri sera, con i commenti che si dividono tra la delusione dei romanisti di poter vedere il suo ex capitano con la maglia di un’altra formazione italiana e i tifosi delle altre squadre che fantasticano l’arrivo di un centrocampista dal calibro internazionale. “Se ce l’hai con la società non prendertela con gli unici che ti sono stati leali: i tifosi” scrive un tifoso giallorosso.

“Forse il vero terremoto a Roma l’ha scatenato” si ironizza sui social, con il riferimento alla scossa avvertita ieri sera nella Capitale. “Io ho amato De Rossi. Ha messo in campo ogni volta quello che avrei messo io. Da tifoso. Da amante di questi colori. La scelta di rimanere in Italia, se fosse vera, la rispetto. Ma è una coltellata. Te lo dico Daniè proprio perché t’amo” è la confessione di un utente romanista.

“Ovunque andrai, sarai sempre proprietà nostra. Anche se vederti con altri colori farà malissimo. Impossibile odiarti” è il tweet sincero di un altro giallorosso.
Dall’altra parte, invece, De Rossi fa sognare i tifosi delle altre squadre: “Sarebbe il giocatore ideale per fare un salto di qualità sia tecnico-tattico che mentale” twitta un tifoso della Sampdoria.

“Chiamala suggestione, chiamalo sogno, chiamala buffonata. Per me è un grosso sì. Un giocatore come lui, manca da anni” ammette un milanista. Ancora: “Ah, io De Rossi, nel Milan, lo prenderei al volo. Può ancora dare, ed è uomo spogliatoio infinito”.

Anche i tifosi della Fiorentina si esprimono positivamente: “Mentalità, esperienza personalità, se disgraziatamente sta bene tre mesi di fila e ti gioca 7/8 partite strategiche fa la differenza”. Infine, la provocazione dei tifosi della Lazio: “DDR in biancoceleste come Ciccio Cordova”. (fonte AGI)

L’articolo De Rossi resta in Italia, tifosi Lazio provocano: “Da noi come Ciccio Cordova” sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Sarri a Cristiano Ronaldo: “Ti faccio fare 40 gol. Supererai il record di Higuain”

Sarri a Cristiano Ronaldo: "Ti faccio fare 40 gol. Supererai il record di Higuain"

Sarri a Cristiano Ronaldo: “Ti faccio fare 40 gol. Supererai il record di Higuain” (foto ANSA/AP Photo/Sergei Chuzavkov)

COSTA AZZURRA – Sarri ha convinto Cristiano Ronaldo. Il nuovo allenatore della Juventus ha voluto fortemente un incontro con Cr7 per metterlo al centro del suo progetto tecnico

Sarri ha grandi progetti per Cristiano Ronaldo, vuole trasformarlo in Cr9 e renderlo il centravanti dei sogni. Per l’ex allenatore del Napoli, Ronaldo è perfetto per il suo gioco ed è convinto di metterlo nelle migliori condizioni per superare il record di gol stagionali in campionato fissato da Gonzalo Higuain con la maglia del Napoli nella stagione 2015-2016 (36 gol in 35 presenze).

Sarri ha incontrato Cristiano Ronaldo in Costa Azzurra a bordo di uno yacht da favola. Il fuoriclasse portoghese della Juventus sta trascorrendo alcuni giorni di vacanza in Francia dopo essere stato in un resort di lusso in Grecia. 

  • Leggi anche, qui: Cristiano Ronaldo ha incontrato Michael Jordan a Parigi. 

In questo incontro fiume, Sarri ha conquistato Ronaldo con i suoi modi di fare e con il suo progetto tecnico. Secondo l’ex allenatore del Napoli, Cr7 con il suo gioco spumeggiante può arrivare a quaranta gol in campionato, cosa che non è riuscita a nessuno fino a questo momento. 

Il record assoluto è detenuto da Gonzalo Higuain. Il calciatore del Napoli chiuse il campionato 2015-2016 con 36 gol all’attivo in 35 presenze e superò il record fissato in precedenza da Nordahl. L’ex calciatore del Milan ha detenuto fino al 2016 il record di segnature in una singola stagione di Serie A con 35 reti, record in seguito battuto da Gonzalo Higuaín nella stagione 2015-2016.

Adesso, secondo Sarri, Cristiano Ronaldo ha le potenzialità per superare questo record. I centravanti dell’ex allenatore del Napoli hanno sempre segnato molto. L’eredità di Higuain è stata raccolta da Mertens ed anche l’attaccante belga, che fino a quel momento non aveva mai giocato da centravanti, ha realizzato valanghe di gol. Adesso tocca a Cr7, anzi a “Cr9″…

L’articolo Sarri a Cristiano Ronaldo: “Ti faccio fare 40 gol. Supererai il record di Higuain” sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Milan e Inter in coro: “Buttiamo giù San Siro per costruire il nuovo stadio”

Milan e Inter in coro: "Buttiamo giù San Siro per costruire il nuovo stadio"

Milan e Inter in coro: “Buttiamo giù San Siro per costruire il nuovo stadio”. Foto ANSA/MATTEO BAZZI

MILANO – Continua la battaglia congiunta di Milan e Inter per il nuovo stadio. I due club di Milano hanno deciso di abbandonare San Siro per trasferirsi, a pochi metri di distanza, in un altro impianto più moderno e più funzionale per le esigenze dei tifosi.

Una ulteriore conferma arriva da Losanna dove il presidente del Milan Paolo Scaroni, in compagnia dell’a.d. dei nerazzurri Alessandro Antonello, ha affrontato il tema stadio con le seguenti dichiarazioni che sono riportate dalla Gazzetta dello Sport nella sua edizione online.

“Tutto procede. Faremo insieme un nuovo San Siro accanto al vecchio nella stessa area della concessione. Il vecchio verrà buttato giù e al suo posto ci saranno nuove costruzioni. I tempi non saranno brevi perché è una procedura complicatissima. Sarebbe bello che la cerimonia delle Olimpiadi (se questo pomeriggio Milano-Cortina verrà preferita ad Aare-Stoccolma, ndr) si facesse nel nuovo San Siro, ma non ne siamo certi”.

Poco prima delle dichiarazioni di Paolo Scaroni, ci sono state quelle di Marco Giampaolo che è stato ufficializzato come nuovo allenatore del Milan. Le sue dichiarazioni sono riportate dall’Ansa.

“Ho lavorato sodo per ottenere questa chance, per me il Milan e’ una grandissima opportunità”. Sono le prime parole di Marco Giampaolo da tecnico rossonero. “Ho lavorato sodo – dice Giampaolo in una brano dell’intervista a Milan tv, che il club ha anticipato all’ANSA – Il Milan è il club più titolato in Europa e uno dei più importanti. Per me è una grandissima opportunità, sono felice e motivato. Il percorso è stato lungo, sarà ancora lungo perché non c’è mai fine, non si finisce mai di costruire idee, progetti e cose”.

“La mission, la visione deve essere quella di giocare un calcio appetibile e affascinante e poi, attraverso quel calcio, arrivare a vincere le partite. La storia del Milan racconta di un club e di una squadra che ha sempre ricercato la bellezza, l’estetica oltre che il risultato. O meglio, raggiungere il risultato attraverso la bellezza del gioco”. Sarà questo il primo obiettivo di Marco Giampaolo, intervistato in esclusiva a Giulianova da Milan Tv.
  

  “Il club rossonero – si legge ancora sul sito del club – ha vinto titoli proponendo calcio, adesso non ho la presunzione di paragonarmi a quel Milan ma quello deve essere l’obiettivo. In quanto a cultura, penso di essere in un club dove c’è conoscenza di cosa significhi giocare a calcio, perché è stato abituato in questo modo”. Giampaolo anticiperà “di qualche giorno” il suo arrivo a Milanello rispetto al raduno del 9 luglio, “per prendere conoscenza con l’ambiente rossonero il prima possibile” e visionare le strutture.

L’articolo Milan e Inter in coro: “Buttiamo giù San Siro per costruire il nuovo stadio” sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Fiorentina con Balotelli e Ibrahimovic in attacco? Commisso dice no (per ora…)

Fiorentina con Balotelli e Ibrahimovic in attacco? Commisso dice no (per ora...)

Fiorentina con Balotelli e Ibrahimovic in attacco? Commisso dice no (per ora…)
foto Ansa

FIRENZE – Rocco Commisso chiude la porta a Mario Balotelli e Zlatan Ibrahimovic. Stando a quanto scritto da TuttoSport, la priorità del nuovo presidente della Fiorentina sarebbe quella di confermare Federico Chiesa ma in caso di partenza dell’attaccante, i nomi di Super Mario e Ibra tornerebbero d’attualità. 

Commisso non vuole presentarsi ai suoi nuovi tifosi con la cessione del calciatore più forte della squadra ma è anche vero che potrebbe essere graziato dalle critiche nel caso in cui fosse Chiesa a spingere per la cessione.

In quel caso Commisso non avrebbe colpe, almeno gli occhi della piazza, e si punterebbe il dito principalmente contro il “tradimento” del calciatore. Soprattutto nel caso in cui Chiesa dovesse scegliere gli odiati nemici della Juventus come ha fatto in passato anche l’ex viola Bernardeschi. 

Qualche mese fa, proprio Bernardeschi si è pronunciato sul possibile approdo di Chiesa alla Juventus: ”A Chiesa ho dato solo un consiglio: di fare quello che vuole e scegliere di conseguenza, nessuno si può permettere di entrare nel suo privato e dirgli cosa è più giusto per lui. Perché poi le scelte che fai te le ritrovi in futuro come persona e come calciatore”.

  ”Nessuno ha deciso per me in passato, ho sempre scelto con la mia testa – ha ribadito il giocatore della Juve e della Nazionale – Chiesa è cresciuto tanto e può migliorare ancora, ma già adesso è fortissimo e maturo per reggere ogni pressione. Il mio augurio è di scegliere e fare ciò che vuole di più”.

Se parte Chiesa, Commisso può puntare sul colpo ad effetto per non deludere la piazza. A quel punto potrebbero tornare di stretta attualità i nomi di Mario Balotelli e Zlatan Ibrahimovic. Tra i due, quello più facile da prendere è Balotelli visto che l’ex attaccante dell’Inter è disponibile a parametro zero. 

L’articolo Fiorentina con Balotelli e Ibrahimovic in attacco? Commisso dice no (per ora…) sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Paura per Mick Schumacher, incidente durante il gran premio di Francia VIDEO

Paura per Mick Schumacher, incidente durante il gran premio di Francia VIDEO

Paura per Mick Schumacher, incidente durante il gran premio di Francia VIDEO da YouTube

LE CASTELLET – Paura per il figlio di Michael Schumacher nel corso del gran premio di Francia di Formula 2. La sua vettura, la Prema, è stata centrata in pieno dal compagno di squadra Gelael.

Questo incidente lo ha costretto ad abbandonare il gran premio. Mick Schumacher ha iniziato il Mondiale di Formula 2 con il piede sbagliato, dopo le gara in Bahrein, Azerbaigian, Catalogna, Montecarlo e Francia ha raccolto la miseria di 14 punti ed è quindicesimo in classifica a 107 punti dalla vetta della classifica occupata da Nyck De Vries.

Mick Schumacher è un pilota automobilistico tedesco che compete nel campionato di Formula 2 con il team Prema. Vincitore nel 2018 della F3 europea, dal 2019 è membro della Ferrari Driver Academy. Mick è figlio del sette volte campione del mondo di Formula 1 Michael Schumacher e di Corinna Betsch, nonché nipote dell’ex pilota di Formula 1 Ralf Schumacher, ha iniziato la sua carriera nei Kart nel 2008.

Per evitare di attirare troppo l’attenzione a causa della notorietà del padre, ha corso sotto lo pseudonimo di “Mick Betsch”, usando il nome da nubile di sua madre. Il risultato migliore che ha ottenuto nella sua giovane carriera è stato il titolo Mondiale di F3 nel 2018.

Dopo una prima parte di stagione difficile, in cui ottiene due terzi posti nelle prime dieci gare, riesce a vincere la sua prima gara nella categoria nella gara 3 di Spa-Francorchamps.

Nelle successive gare ottiene altre sette vittorie, di cui cinque consecutive tra il Nürburgring e il Red Bull Ring. Ad Hockenheim conquista il titolo della categoria con una gara d’anticipo, ottenendo il primo titolo in monoposto. Dopo questo trionfo in F3, si è meritato il passaggio in Formula 2 e l’approdo nella Driver Academy della Ferrari.

Il video da YouTube con lo spaventoso incidente di Mick Schumacher nel corso del gran premio di Francia di Formula 2.

L’articolo Paura per Mick Schumacher, incidente durante il gran premio di Francia VIDEO sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

Cristiano Ronaldo a Michael Jordan: “Abbiamo fatto la storia”

Cristiano Ronaldo a Michael Jordan: "Abbiamo fatto la storia"

Cristiano Ronaldo a Michael Jordan: “Abbiamo fatto la storia” (foto Instagram)

PARIGI – Quarantuno trofei in un’unica foto. Senza contare gli innumerevoli premi individuali. Cristiano Ronaldo ha pubblicato una immagine in compagnia di Michael Jordan scrivendo la didascalia: “Abbiamo fatto la storia”. Ronaldo e Jordan sono due degli atleti più forti di tutti i tempi, sono gli unici, insieme a LeBron James, ad avere un contratto a vita con la Nike.

Ronaldo e Jordan si sono incontrati proprio a margine di un evento Nike. Michael Jordan lo scorso fine settimana era a Parigi per la Paris Men’s Fashion Week, dove con Nike ha lanciato le nuove scarpe Jordan della neo-battezzata “Maison 23” (23, il numero di Michael Jordan da cestista).

Cristiano Ronaldo è in vacanza in Francia, in Costa Azzurra, e non si è fatto scappare l’opportunità di incontrare il giocatore di basket più forte di tutti i tempi. 

Leggi anche, qui: Cristiano Ronaldo ha lasciato una mancia da record in Grecia. 

I trofei vinti da Cristiano Ronaldo e Michael Jordan. 

Michael Jordan ha vinto un campionato NCAA e sei campionati NBA con la canotta dei Chicago Bulls. La sua squadra è ritenuta la più forte di tutti i tempi. Michael Jordan ha brillato anche con la Nazionale Americana dove ha conquistato da protagonista due Olimpiadi, una Coppa America ed i Giochi Panamericani. Essendo stato il più grande giocatore di basket di tutti i tempi, ha vinto numerosi riconoscimenti individuali nel corso della sua brillantissima carriera. 

Cristiano Ronaldo ha in bacheca 30 trofei più numerosi premi individuali (come i cinque Palloni d’Oro). A livello di club ha vinto cinque Champions League, quattro Mondiali per Club, due Supercoppe Europee, un Campionato Europeo, una Nations League, uno scudetto in Italia, tre Premier League in Inghilterra e due campionati in Spagna. Ronaldo ha vinto anche numerose coppe tra Spagna, Portogallo, Italia e Inghilterra. 

L’articolo Cristiano Ronaldo a Michael Jordan: “Abbiamo fatto la storia” sembra essere il primo su Blitz quotidiano.