Il governo ha approvato un pacchetto di misure da circa 1,3 miliardi di euro a sostegno delle famiglie alle prese con il caro energia. Tra queste la proroga e il rafforzamento delle misure contro il caro bollette e un sostegno alle famiglie per i trasporti. Sulla social card ‘Dedicata a te” verrà trasferito un bonus per l’acquisto di carburanti . L’ammontare del bonus dovrebbe essere intorno agli 80 euro ma il governo fa sapere che la cifra esatta sarà definita entro 30 giorni dall’entrata in vigore del decreto con un provvedimento ad hoc del ministero delle Imprese e del Made in Italy. A beneficiarne saranno dunque soltanto famiglie che possiedono la card, con un reddito al di sotto dei 15mila euro l’anno e in possesso di social card ossia circa 1,3 milioni di nuclei, in base a criteri di priorità basati sul numero dei componenti delle famiglie e alla presenza di minori. Lo stanziamento complessivo dovrebbe aggirarsi intorno ai 105 milioni di euro. Poca cosa se rapportata ai maggiori incassi garantiti all’Erario dal gettito Iva su benzina e gasolio (che cresce al salire del prezzo).

Viene prorogato fino al 31 dicembre alcune misure a sostegno di imprese e famiglie. Tra queste, l’Iva a zero sugli oneri del sistema gas, l’Iva ridotta al 5% su gas, teleriscaldamento ed energia prodotta con gas metano e uno sconto sulle bollette di luce e gas per le famiglie nella fascia di reddito più bassa. Dal primo gennaio 2024 cambiano i sostegni alle imprese energivore (quelle che hanno un grande consumo di energia elettrica, almeno 1 GWh all’anno). Queste aziende usufruiscono di riduzioni in bolletta degli oneri generali del sistema elettrico. Ma l’Unione europea ha modificato in modo significativo le sue linee guida sugli aiuti di Stato a scopi ambientali. Di qui la necessità di adeguare la normativa italiana a quella europea. Gli oneri delle imprese per il sistema elettrico sono stabiliti nella misura del minor valore fra una percentuale variabile dal 15 all’80% degli oneri per il sostegno delle fonti rinnovabili, e una percentuale fra lo 0,5 e il 3,5% del valore aggiunto lordo dell’impresa. Gli oneri diminuiscono se l’impresa copre almeno il 50% del proprio consumo di energia elettrica da fonti a zero emissioni.

L'articolo Mancia carburante per le famiglie con reddito al di sotto dei 15mila euro. Prorogati di 3 mesi i tagli Iva sul gas proviene da Il Fatto Quotidiano.

Di F. Q.