Arabia Saudita e Russia, i due principali produttori mondiali di petrolio dopo gli Stati Uniti, hanno deciso di tagliare la produzione per sostenere i prezzi portando così, in poche ore, il greggio ai massimi da novembre. L’aumento è stato di quasi due punti percentuali sia per il greggio Usa, i cui future sono arrivati sopra gli 87 dollari al barile, sia per il Brent europeo, che ha superato quota 90 dollari, fino a un massimo di 91. Sembra quindi aver funzionato la scelta di Riad di estendere il taglio alla sua produzione di greggio di un milione di barili al giorno per altri tre mesi, da ottobre fino a fine anno.

Stessa mossa fatta, a stretto giro, dalla Russia che ha annunciato di ampliare i suoi tagli alla produzione pari a 300mila barili al giorno, dopo i 500mila in agosto. “Questo ulteriore taglio volontario vuole rafforzare gli sforzi preventivi compiuti dai Paesi Opec+ con l’obiettivo di sostenere la stabilità e l’equilibrio dei mercati petroliferi”, commenta la Saudi press agency. Mentre la russa Tass ha citato Alexander Novak, vice premier ed ex ministro dell’Energia, per spiegare come la decisione sia ovviamente stata presa ai piani più alti del Cremlino. Il rischio per gli automobilisti è che nel giro di qualche giorno, se i rialzi dovessero diventare strutturali, aumentino anche i prezzi ai distributori, trascinando oltre i 2 euro al litro il costo alla pompa anche in modalità self-service.

Per gli operatori è stato soprattutto il prolungamento del taglio saudita il segnale più importante, in quanto l’Arabia guida la stessa Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio. In questo modo Riad manterrà la produzione al livello più basso da diversi anni, cioè circa nove milioni di barili al giorno, per almeno sei mesi. Per Mosca viene segnalata invece la necessità di recuperare le entrate per sostenere le spese dell’invasione in Ucraina. E con prezzi troppo bassi sarebbe impossibile: i ricavi russi dalle esportazioni di petrolio in maggio sono infatti scesi a 13,3 miliardi totali, in calo del 36% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

La speranza in Italia è che il recupero del prezzo del petrolio non sia stabile, perché altrimenti si riverserebbe a breve sul costo della benzina e del diesel. Tagli delle accise e bonus carburanti sembrano molto remoti con la difficile manovra in arrivo e, secondo le associazioni di consumatori, in tre mesi il gasolio è già aumentato del 12%, la benzina di oltre l’8%. E lunedì, con le quotazioni internazionali nel weekend già in aumento, il prezzo medio praticato della benzina in modalità self era già arrivato 1,960 euro al litro, mentre il gasolio viaggiava a quota 1,864.

L'articolo Arabia Saudita e Russia tagliano la produzione di petrolio: vola il prezzo del greggio. Così si rischia un nuovo rialzo dei carburanti proviene da Il Fatto Quotidiano.

Di F. Q.